Liberiamo l'Italia

Liberiamo l'Italia
E' RIVOLUZIONE!!!

Movimento Rivoluzionario d'Italia

La Rivoluzione si fa nelle piazze con il popolo, ma il cambiamento si fa dentro la cabina elettorale con la matita in mano.

Quella matita, più forte di qualsiasi arma, più forte di qualsiasi lupara, è più affilata di un coltello” (Paolo Borsellino)

Libertà Uguaglianza Giustizia

Via i Corrotti! Via i Ladri! Via i Malfattori!

Viva il MoRdI Viva il Popolo Italiano Viva l’Italia

Aderisci lasciando un commento oppure scrivendo a:

movimentorivoluzioneitalia@gmail.com

CAMBIAMO L'ITALIA

change Italy

Per dare una Speranza di Futuro al nostro Paese

E' nato il Movimento Rivoluzionario d'Italia (MoRdI), associazione politico-culturale libera e indipendente senza scopo di lucro. Obiettivo del Movimento è cambiare e rinnovare l'Italia tramite l'elaborazione e la diffusione (Pensiero e Azione) di idee rivoluzionarie utili alla redazione di progetti innovativi, realizzabili e sostenibili per l'intera comunità.

L’Italia è nel mezzo di una crisi drammatica in cui imperversano disoccupazione, corruzione e ruberie di ogni genere, evasione fiscale (per i furbi), oppressione fiscale (per gli onesti), degrado morale, culturale, sociale e ambientale.

La responsabilità di ciò è imputabile all'intero sistema  partitocratico, segnatamente a PD e PDL e ai loro infiniti inciuci, per aver dato vita, in particolare dopo tangentopoli, ad una classe dirigente, ipocrita, corrotta e irresponsabile, fatta di politici, manager e dirigenti pubblici senza scrupoli, assetati di potere e di danaro. Questo sistema ha generato, a tutti i livelli (governo centrale, regioni, province, comuni, enti pubblici), una miriade di società partecipate/controllate (da nessuno!) che, invece di servizi, spesso offrono disservizi a prezzi esorbitanti, con sprechi enormi. Ciò è stato fortemente agevolato da norme scellerate, quali spoils system, istituzione delle società partecipate per l’erogazione di servizi pubblici, depenalizzazione del falso in bilancio, nomina diretta dei parlamentari da parte dei segretari di partito. Norme, queste, inserite in leggi fatte ad hoc tanto da governi di centro-sinistra quanto da governi di centro-destra!
Obiettivo primario del MoRdI è spazzare via questo sistema parassitario, frutto del grande inciucio italico PD-PDL, del quale, in realtà, le sue espressioni più indecenti (Lusi, Belsito, il Trota, Bunga Bunga, Fiorito, ecc.) nascondono un mostro di proporzioni gigantesche: le tantissime società partecipate, gestite da manager e dirigenti con stipendi faraonici, che hanno dissanguato la nostra povera Italia portando al collasso tantissime piccole e medie imprese.


Finalità del Movimento Rivoluzionario d'Italia

Il Movimento, anche attraverso la partecipazione alla competizione elettorale, si propone di abbattere questa ipocrita, indegna ed irresponsabile classe politica per ricostruire dalla sue fondamenta l’Italia,  prevedendo:

1.    la fine del bicameralismo perfetto con l'abolizione del Senato e, quindi, una sola camera parlamentare con non più di trecento membri eletti, a suffragio universale, sulla base di collegi intra-regionali omogenei per estensione demografica. L’elezione dovrà avvenire esprimendo un voto di preferenza per candidato;


2.   che i parlamentari, uomini e donne liberi che non abbiano riportato condanne penali passate in giudicato e non abbiano procedimenti penali pendenti, né, tanto meno, siano morosi nei confronti della P.A., possono essere eletti al massimo per 2 mandati. Ciascun onorevole avrà diritto ad uno stipendio netto onnicomprensivo, non cumulabile con qualsiasi altra forma di reddito da lavoro o di pensione, non superiore ai 5 mila euro netti mensili. La pensione, fruibile non prima di aver compiuto il 65 anno di età, sia ricompresa, come per tutti i cittadini, tra un minimo di mille euro e un massimo pari a 3 mila euro netti mensili;


3.   l’accorpamento delle regioni con popolazione inferiore ai 3 milioni di abitanti, con contestuale riduzione a non più di 30 del numero dei membri delle assemblee consiliari. Ciascun consigliere percepirà uno stipendio netto onnicomprensivo, non cumulabile con qualsiasi altra forma di reddito da lavoro o di pensione, non superiore a 3 mila euro netti mensili;

4.   l’abolizione, a tutti i livelli (stato centrale, regioni, comuni), di qualsiasi forma di finanziamento pubblico a partiti e/o movimenti politici;


5.   l’abolizione di tutte le province e degli enti inutili, con trasferimento di funzioni e relativo personale a ministeri, regioni, comuni e altri enti pubblici;


6.   l’abolizione dei comuni con popolazione inferiore a 10 mila abitanti mediante soppressioni e accorpamenti per aree geografiche omogenee;


7.   l’abolizione delle norme contemplanti spoils system, manager pubblici e società partecipate, con ritorno alla completa gestione pubblica dei servizi essenziali quali: istruzione, sanità, sicurezza, energia (elettricità, gas e prodotti petroliferi), trasporti, telefonia, etere (frequenze radiotelevisive), poste, acqua e smaltimento dei rifiuti;

8.   l’abolizione di tutte le attuali imposte e tributi, con contestuale istituzione di un’unica imposta, calcolata, avvalendosi anche di appropriati studi di settore, nella misura massima del 20% del reddito effettivo delle persone fisiche e/o giuridiche;


9.   l’abolizione di tutte le attuali leggi dei codici di procedura penale e civile per, poi, riscriverle, in modo chiaro, in numero limitato (massimo 100 per ciascun codice);


10.   investimenti cospicui, su cultura, istruzione e ricerca, favorendo innovazione e sviluppo, in particolare di piccole e medie imprese, garantendo, altresì, un giusto stato sociale.


Per il popolo italiano la prossima competizione elettorale dovrà  essere una riedizione del 25 Aprile in versione moderna. Nella primavera del 1945 ci liberammo, con il sacrificio di tante vite umane, dalla oppressione nazi-fascista, nella prossima campagna elettorale, con l’aiuto del MoRdI (cittadini incazzati ma onesti), dobbiamo liberarci di questa indecente classe politica disonesta, ipocrita, ladra e corrotta, spesso collusa con associazioni mafiose, camorristiche e criminali.

Ribelliamoci, facciamo la Rivoluzione!

Spazziamo via piduisti, lobbisti, banchieri, ladri e corrotti! 

 Liberiamo e cambiamo l’Italia!


Revolucia Movado en Italio. Ŝanĝi Italio; Revolutionary Movement in Italy. Change Italy; Революционное движение в Италии. Изменение Италия; Revolutionäre Bewegung in Italien. Ändern Italien; Հեղափոխական շարժման Իտալիայում. Փոխել Իտալիա; Рэвалюцыйны рух у Італіі. Змена Італія; Revolucionarni pokret u Italiji. Promijenite Italija; Революционното движение в Италия. Промяна на Италия; Revoluční hnutí v Itálii. Změna Itálii; Revolucionarni pokret u Italiji. Promijenite Italiji; Revolutionære bevægelse i Italien. Skift Italien; Revolutionary Movement Itaalias. Muuda Itaalia; Rebolusyonaryo Movement sa Italya. Baguhin Italya; Revolutionary Movement Italiassa. Muuta Italia; Mouvement révolutionnaire en Italie. Changer Italie; Movemento Revolucionario en Italia. Cambia Italia; Symud chwyldroadol yn yr Eidal. Newid yr Eidal; რევოლუციური მოძრაობა იტალიაში. შეცვალეთ Italy; Επαναστατικό Κίνημα στην Ιταλία. Αλλαγή Ιταλία; Gerakan revolusioner di Italia. Mengubah Italia; Gluaiseacht Réabhlóideach san Iodáil. Athraigh an Iodáil; Byltingarhugsjónarinnar Ítalíu. Breyta Ítalíu; Fusce in Italiam motus. Muta in Italiam; Revolucionārā kustība Itālijā. Mainīties Itālijai; Sąjūdis Italijoje. Pakeisti Italijai; Револуционерното движење во Италија. Промена Италија;  Pergerakan Revolusi di Itali. Tukar Itali; Moviment Rivoluzzjonarju fl-Italja. Bidla Italja; Итали дахь хувьсгалт хөдөлгөөн. Итали өөрчлөх; इटाली मा क्रान्तिकारी आन्दोलन। इटाली परिवर्तन; Revolutionary Movement i Italia. Endre Italia; Revolutionaire beweging in Italië. Verander Italië; Rewolucyjny Ruch we Włoszech. Zmień Włochom; Movimento Revolucionário na Itália. Mude Itália;  Mișcarea revoluționară în Italia. Schimba Italia; Револуционарни покрет у Италији. Промена Италија; Revolučné hnutie v Taliansku. Zmena Taliansku; Revolucionarnega gibanja v Italiji. Spremenite Italiji; Movement Kacaanka ee Italy. Beddel Italy;  Movimiento Revolucionario en Italia. Cambie Italia; Revolutionära rörelsen i Italien. Ändra Italien; การเคลื่อนไหวการปฏิวัติในอิตาลี เปลี่ยนอิตาลี; İtalya'da Devrimci Hareketi. İtalya değiştirin; Революційний рух в Італії. Зміна Італія; Forradalmi mozgalom Olaszországban. Módosítása Olaszország; Phong trào cách mạng ở Italia. Thay đổi Ý; 革命运动在意大利。改变意大利; 이탈리아의 혁명 운동. 이탈리아에게 변경; イタリアの革命運動。イタリアを変更; حركة الثورية في إيطاليا. تغيير إيطاليا;  תנועה מהפכנית באיטליה. שינוי איטליה; جنبش انقلابی در ایتالیا. تغییر ایتالیا, ಇಟಲಿಯಲ್ಲಿ ರೆವಲ್ಯೂಷನರಿ ಮೂವ್ಮೆಂಟ್. ರೋಮ್ನ ಮಾರ್ಚ್


Invito alla lettura:

La mia rivoluzione - Il Fatto Quotidiano

www.ilfattoquotidiano.it › Blog di Fiorella Mannoia

06/gen/2013 

Che cosa evoca oggi la parola rivoluzione? Che cos’è oggi rivoluzionario? Viviamo in una sorta di mondo alla rovescia, dove l’illecito è diventato normale, dove i politici fanno spettacolo e gli attori, i cantanti, i comici, si occupano della politica. Dove viene scambiato il diritto per il favore. Dove la cultura è giudicata superflua e dispendiosa, praticamente inutile. Dove chi dovrebbe dare il buon esempio si vanta delle sue malefatte e giudica stupido chi si ostina a credere nella legalità, e lo discredita, lo calunnia, lo annienta. E la parola rivoluzione assume un significato più profondo, che riguarda anche il comportamento di ognuno di noi. Provo a fare un elenco di quello che per me oggi è rivoluzionario:
Rivoluzionario è il coraggio, rivoluzionaria è la sobrietà, l’educazione, la cultura, l’arte, rivoluzionario è il diritto alla scuola, al lavoro, alla salute, rivoluzionario è l’accesso alla conoscenza, rivoluzionario è il rifiuto della volgarità, anche quella dilagante dell’ostentazione del lusso, rivoluzionario è il rifiuto della violenza, anche quella verbale, rivoluzionario è dire a chi cerca di corromperti: “No, grazie”. Rivoluzionario è insegnare ai propri figli il rispetto di tutte le diversità, l’accoglienza, la compassione, la fratellanza, la capacità e la volontà di provare a condividere il dolore degli altri, rivoluzionario è combattere il pregiudizio, rivoluzionaria è la ricerca della bellezza, rivoluzionario è spegnere la televisione e dedicarsi ai propri cari, coltivare delle passioni, continuare a giocare, rivoluzionario è il sorriso, la gentilezza, l’umiltà, il saper ridere anche di noi stessi e delle nostre miserie, rivoluzionaria è la semplicità, il godere di un buon cibo, di un buon vino, rivoluzionario è divertirsi ballando fino alle quattro del mattino senza bisogno di additivi chimici, rivoluzionario è guardarsi allo specchio senza vergognarsi di ciò che vediamo riflesso, rivoluzionario è non sentirsi al centro dell’universo e guardare altro oltre noi stessi, rivoluzionario è fare bene il proprio lavoro qualsiasi esso sia, rivoluzionaria è l’onestà, anche e soprattutto quella intellettuale, rivoluzionaria è l’etica, rivoluzionario è il coraggio delle proprie idee, rivoluzionario è chiedersi sempre che cosa si nasconda dietro le notizie dell’informazione ufficiale, non smettere mai di cercare, ragionare con la propria testa e porsi sempre delle domande, rivoluzionario è l’approfondimento contro la superficialità, rivoluzionario è il giornalismo della “seconda domanda”, rivoluzionario è non piegare la testa di fronte ai potenti, chiunque essi siano. Rivoluzionario è schierarsi sempre dalla parte degli ultimi, chiunque essi siano.
Rivoluzionaria è la curiosità, la libertà di pensiero, rivoluzionaria è la coerenza, la gratitudine, la capacità di chiedere scusa, rivoluzionaria è la dignità, il rispetto, il perdono, rivoluzionaria è l’indignazione per l’ingiustizia ovunque si verifichi e avere il coraggio di gridarla, rivoluzionario è combattere l’avidità che è il più pericoloso dei mali, rivoluzionario è dare un senso alla propria vita rivendicando il diritto alla felicità ma avendo la consapevolezza che questo non passa solo attraverso il denaro. Rivoluzionario è fare ognuno il proprio dovere di cittadino ricercando sempre la verità, che è la più grande delle rivoluzioni.


Suggerimenti di ascolto:

- F. Mannoia, la mia rivoluzione:  https://www.youtube.com/watch?v=dOR7nmmJAc8

- F. Mannoia, io non ho paura:  https://www.youtube.com/watch?v=arDiAz6zOXc

- F. Mannoia, ho imparato a sognare:  https://www.youtube.com/watch?v=iKsm2FKQdYw

- F. Mannoia, il cielo d'Irlanda:  https://www.youtube.com/watch?v=C-BQwlEeNvg

- F. Mannoia, camice rosse:  https://www.youtube.com/watch?v=-XawmwigMYg

- F. Mannoia, Giovanna D'Arco:  https://www.youtube.com/watch?v=M6-9WZQMT2I

- F. Mannoia, Dio è morto:  https://www.youtube.com/watch?v=OInY_trTUQI

- F. Mannoia, i treni a vapore:  https://www.youtube.com/watch?v=BbKuC92zvqM

- F. Mannoia - P.A. Bertoli, pescatore:  https://www.youtube.com/watch?v=qVgsf9UySOI


- A. Celentano, ti fai del male:  https://www.youtube.com/watch?v=X8UE8uWhOmQ


- G. Gaber, un’idea:   http://www.youtube.com/watch?v=zTZIFY7GGFA

- G. Gaber, mi fa male il mondo:  http://www.youtube.com/watch?v=MEPVfva_zJY

- G. Gaber, secondo me gli italiani:

- G. Gaber, il potere dei più buoni:   http://www.youtube.com/watch?v=BtNj1EaxiW4

- G. Gaber, lo sciampo:   http://www.youtube.com/watch?v=Ii45hsywiuY

G. Gaber, gli intellettuali:   http://www.youtube.com/watch?v=5n1Pvf3S4gY

- G. Gaber, gli inutili:   http://www.youtube.com/watch?v=uDmtWdF8E54

- G. Gaber, il conformista:



- P. Bertoli, a muso duro:   http://www.youtube.com/watch?v=VtQ9RFWl1XU

- P. Bertoli, non vincono:   http://www.youtube.com/watch?v=iOUTrOrhzYw 

P. Bertoli, Italia d’oro:    http://www.youtube.com/watch?v=ifIVo2xMwOA


- P. Bertoli, rosso colore:   http://www.youtube.com/watch?v=BOeOcnfng_c

- P. Bertoli, spunta la luna dal monte:   http://www.youtube.com/watch?v=zEtAVF2xBKY

- P. Bertoli, eppure il vento soffia ancora:   http://www.youtube.com/watch?v=YyT77WK95Oc


- F. De Andrè, la canzone del maggio:   http://www.youtube.com/watch?v=wLUFqXmFyog

- F. De Andrè, nella mia ora di libertà :   http://www.youtube.com/watch?v=_VJnAQ2xYU0

- F. De Andrè, la cattiva strada:   http://www.youtube.com/watch?v=ZyjWdyKKV-8

- F. De Andrè, il testamento di Tito:   http://www.youtube.com/watch?v=MI_Tz3tzMDE


- Nicola di Bari, paese:   http://www.youtube.com/watch?v=DlTRcq4NHW8


 Movimento Rivoluzionario d'Italia (MoRdI)


aderisci al movimento scrivendo a:

10 commenti:

  1. Giustissimo.

    Sono pronto per la marcia su Roma

    Antonio

    RispondiElimina
  2. Armiamoci e partiamo!!!

    Alfonso

    RispondiElimina
  3. Se non siamo fessi, dovremmo essere almeno dieci milioni.

    Pietro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se siamo uno > cento > centomila > un milione

      Io ci sarò

      Mario

      Elimina
  4. Sono convinto che i cittadini onesti nel nostro paese sono la stragrande maggioranza. Devono solo prender coscienza dell'assunzione di responsabilità cui sono chiamati e non lasciare campo libero ai disonesti.

    Domenico

    Movimento rivoluzionario italiano (MoRI)

    RispondiElimina
  5. A Roma dobbiamo andare per festeggiare, dopo averla fatta nelle urne la rivoluzione.
    Usiamo il cervello.
    In ogni caso, condivido tutto ciò che è riportato nel manifesto del movimento.

    Gennaro

    RispondiElimina
  6. Nel manifesto sono riportate cose sacrosante. Ora come ora penso basta solo accendere la miccia e la rivoluzione del popolo italiano viaggerà ad ogni livello delle istituzioni più veloce di un incendio estivo.

    Bruno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è la sensazione che si percepisce parlando con i cittadini comuni. Se saremo capaci di organizzarci, mettendo in campo un giusto mix di persone oneste e competenti, giovani e di esperienza, (entusiasmo e saggezza), il popolo italiano la rivoluzione la farà nelle urne usando intelligentemente la matita, più efficace di qualsiasi altro mezzo. Altrimenti ......

      Domenico, Movimento rivoluzionario italiano (MoRI)

      Movimento rivoluzionario italiano (MoRI)

      Elimina
  7. Parole e idee giustissime!
    Basta farci fregare i soldi delle nostre tasse da questi maledetti!
    Facciamo il possibile per tornare a vivere in un paese sano incui tutti i cittadini pagano le tasse pensando al fatto che stanno contribuendo a mandare avanti un paese privo di corrotti e ladri e non al fatto che stanno versando i loro soldi guadagnati sudando nei conti di piccoli diavoli che pensano soltanto a mandare avanti le proprie famiglie danneggiando gravemente un intero paese.

    Giuseppe

    RispondiElimina
  8. Basta con le parole,io sono pronta a fare i fatti.
    L'unione fa la Forza...io sono con Voi.

    RispondiElimina